fbpx

Il COVID-19 è un cigno nero oppure la nuova normalità?

Redazione Meta

È troppo presto per parlare di “lezioni apprese” mentre si svolge una tragedia umana su larga scala. Ma è difficile pensare a qualsiasi altra cosa in questo momento e il cervello cerca qualcosa di utile su cui trovare stabilità. Proponiamo alcune osservazioni in questo e nei prossimi Post che seguiranno presi da un articolo molto interessante dell’MIT (Andrew Winston: Is the COVID-19 Outbreak a Black Swan or the New Normal?, 16 marzo 2020). Prima riflessione: “Dobbiamo migliorare la comprensione e la reazione alla crescita esponenziale. A partire dall’11 febbraio, il numero di casi COVID-19 al di fuori della Cina era inferiore a 400. Mentre scrivo cinque settimane dopo, sono più di 90.000, un aumento di oltre il 18% in un solo giorno. Gli insegnanti hanno usato a lungo questa parabola per spiegare la crescita esponenziale: immagina uno stagno con un singolo giglio. Ogni giorno, il numero di ninfee raddoppia e in 30 giorni lo stagno è coperto (e soffocato). In che giorno pensi che sia stato coperto per metà? Che dire solo dell’1% coperto? Le risposte sono il giorno 29 e il giorno 24. Anche se usi un tasso di crescita del 50% invece del 100%, è il giorno 28 e il giorno 19.” (Andrew Winston: Is the COVID-19 Outbreak a Black Swan or the New Normal?, 16 marzo 2020).

Seconda riflessione: Abbiamo esperienza (e spotty success) nella gestione della crescita esponenziale che guida le nostre maggiori sfide globali, tra cui la popolazione, l’uso delle risorse e le emissioni di gas a effetto serra. Dalla rivoluzione industriale al 2010, tutti questi sono cresciuti in modo non lineare. La crescita delle emissioni ora sta rallentando, per fortuna. Ma, in parte, poiché era difficile immaginare quale sarebbe stata la crescita esponenziale delle emissioni, abbiamo reagito troppo tardi per evitare impatti significativi sulle persone e sul pianeta. La stessa cosa sta succedendo ora con COVID-19 poiché le persone sono lente a tagliare drasticamente i contatti con gli altri, e quindi c’è ancora una quantità sconosciuta di sofferenza. D’altro canto, poiché abbiamo bisogno di alcune buone notizie, alcune grandi cose si sono mosse in modo non lineare negli ultimi decenni: la riduzione della povertà infantile, la riduzione di alcune malattie (alcune fino a zero) e la pendenza verso il basso del costo delle energie rinnovabili. Queste tendenze positive guidano un profondo cambiamento nella società e richiedono anche una preparazione.

Terza riflessione: Nel bel mezzo di una crisi di questa portata, è difficile fare un passo indietro e vedere cosa le aziende potrebbero togliere da ciò che stanno vivendo oggi, ma proviamo. Alcuni temi: (1) In caso di dubbio, dovremmo mettere le persone al primo posto. La prima reazione al virus, specialmente negli Stati Uniti, sembrava riguardare l’attenuazione del suo effetto sul mercato azionario e sull’economia. Molte aziende rilasciano dichiarazioni sugli impatti sulla catena di approvvigionamento e sulla domanda. Tutto ciò che conta, ma sul serio, è che stiamo vivendo un’emergenza per la salute umana. Le aziende e i governi possono fare di meglio che parlare solo di profitti e mercato.

Quarta riflessione: La resilienza economica di fronte ai cigni neri richiede alle aziende di fare le cose in modo diverso. Il nostro attuale modello economico si basa sul perseguimento dell’efficienza: trova il modo più rapido ed economico per fare o far fare qualcosa e probabilmente avrai un vantaggio in termini di tempo o costi. Ma le catene di approvvigionamento globali che ottimizzano per la centralizzazione e riducono i costi presentano serie potenziali debolezze. Un’analisi delle catene di approvvigionamento globali all’inizio di questo mese ha calcolato che le 1.000 più grandi aziende del mondo e i loro fornitori hanno oltre 12.000 strutture in aree in quarantena di Cina, Corea e Italia. Abbiamo visto qualcosa di simile prima. Inondazioni massicce in Tailandia nel 2011 hanno chiuso le fabbriche che hanno prodotto componenti critici per l’industria dei dischi rigidi dei computer e componenti per le principali case automobilistiche. Quelli erano gli unici posti in cui alcune parti furono realizzate.

Quinta riflessione: Potremmo scoprire qualcosa di utile su come interagiamo e viaggiamo. Piaccia o no, stiamo intraprendendo un grande esperimento con il lavoro e la tecnologia remoti. Come ha detto Figueres, l’ex funzionario delle Nazioni Unite a febbraio, “Potremmo renderci conto che non dobbiamo viaggiare tanto. E sono sicuro che il mercato coglierà l’opportunità, perfezionando ancora più tecnologie in modo da poter comunicare e partecipare alle riunioni, quasi come se fossimo fisicamente presenti. Sarebbe un contributo sistematico alla [riduzione] dei cambiamenti climatici”. Come nota, tutto ciò ci preparerà per ospitare malattie e pandemie in futuro.

Sesta riflessione: Le aziende devono abbandonare la politica e le attività politiche. È fondamentale per le aziende fare ciò che è giusto per i loro dipendenti e alcuni membri della comunità in una crisi. Ma durante emergenze sistemiche e sfide, abbiamo bisogno di più. Le imprese devono usare la propria influenza politica per guidare il cambiamento nel governo. La maggior parte delle multinazionali al di fuori del settore energetico ha evitato qualsiasi seria pressione o comunicazione con i leader politici sulla politica climatica. Firmano dichiarazioni a sostegno dell’azione ma non si presentano di persona a Washington, DC o nelle capitali regionali e statali per fare valere un prezzo sul carbonio o investimenti in tecnologie pulite. Lo stesso potrebbe accadere con COVID-19. Le aziende – e le grandi organizzazioni come le università e tutti i campionati sportivi professionisti negli Stati Uniti – stanno diventando virtuali o stanno chiudendo rapidamente. Questa è la cosa giusta da fare per appiattire quella curva del tasso di infezione.

View this post on Instagram

È troppo presto per parlare di "lezioni apprese" mentre si svolge una tragedia umana su larga scala. Ma è difficile pensare a qualsiasi altra cosa in questo momento e il cervello cerca qualcosa di utile su cui trovare stabilità. Proponiamo alcune osservazioni in questo e nei prossimi Post che seguiranno presi da un articolo molto interessante dell’MIT (Andrew Winston: Is the COVID-19 Outbreak a Black Swan or the New Normal?, 16 marzo 2020). #1_Prima riflessione: “Dobbiamo migliorare la comprensione e la reazione alla crescita esponenziale. A partire dall'11 febbraio, il numero di casi COVID-19 al di fuori della Cina era inferiore a 400. Mentre scrivo cinque settimane dopo, sono più di 90.000, un aumento di oltre il 18% in un solo giorno. Gli insegnanti hanno usato a lungo questa parabola per spiegare la crescita esponenziale: immagina uno stagno con un singolo giglio. Ogni giorno, il numero di ninfee raddoppia e in 30 giorni lo stagno è coperto (e soffocato). In che giorno pensi che sia stato coperto per metà? Che dire solo dell'1% coperto? Le risposte sono il giorno 29 e il giorno 24. Anche se usi un tasso di crescita del 50% invece del 100%, è il giorno 28 e il giorno 19.” (Andrew Winston: Is the COVID-19 Outbreak a Black Swan or the New Normal?, 16 marzo 2020). #consulenza #aziendale #aziendalista #strategy #strategia #business #businessadministration #amministrazione #gestioneaziendale #controllodigestione #accountability #finanza #credito #investimenti #banca #budget #reporting #businessplan #pianificazione #pianificazionefinanziaria #bilancio #patrimonio #reddito #businessideas #italy #formazione #allameta #allametaconsulenza #allametabologna

A post shared by Meta (@allametaconsulenza) on

« Is the COVID-19 Outbreak a Black Swan or the New Normal? », 16 marzo 2020 su MIT Sloan Management Review, Andrew Winston