fbpx

Disruption e Anti-Disruption nel Business dello Streaming

Redazione Meta

Questa settimana (S22) in cui gran parte delle attività hanno ripreso la nuova normalità, dedichiamo attenzione ad un evento disruptive della shared economy. L’articolo pubblicato dal Prof. Noah Askin, di INSEAD, tratta il tema della Blockchain. La promessa della Blockchain è quella di essere una tecnologia compulsivamente onesta. Sulle blockchain pubbliche, viene generato un record indelebile in tempo reale delle transazioni all’interno di un database decentralizzato (ad esempio il “distributed ledger”), essenzialmente automatizzando la fiducia e minimizzando i rischi per la sicurezza. Dal punto di vista aziendale, quindi, i potenziali usi della blockchain sono a doppia faccia. Da un lato, minaccia di spostare intermediari che servono solo per controllare, verificare o certificare l’attività in un sistema. Ad esempio, l’auto-esecuzione o contratti “intelligenti” abilitati alla blockchain potrebbero ridurre significativamente il ruolo di avvocati e notai nel processo di negoziazione. Ironia della sorte, anche gli interruttori della “sharing economy” come Uber e Airbnb potrebbero un giorno trovarsi interrotti da reti peer-to-peer alimentate da blockchain. D’altra parte, la blockchain può altrettanto facilmente svolgere un ruolo stabilizzante anziché dirompente. Invece di rovesciare giocatori affermati, la tecnologia può creare aperture o opportunità per loro all’interno di un ecosistema reinventato, rinnovandone la rilevanza. Quando la fiducia viene introdotta in un sistema in cui in precedenza mancava, si possono trovare tutti i tipi di soluzioni creative per evitare interruzioni. Traduzione di parte dell’articolo “Disruption and Anti-disruption in the Streaming Economy” di Noah Askin, Pubblicato da INSEAD Knowledge.

View this post on Instagram

Questa settimana (S22) in cui gran parte delle attività hanno ripreso la nuova normalità, dedichiamo attenzione ad un evento disruptive della shared economy. L’articolo pubblicato dal Prof. Noah Askin, di INSEAD, tratta il tema della Blockchain. La promessa della Blockchain è quella di essere una tecnologia compulsivamente onesta. Sulle blockchain pubbliche, viene generato un record indelebile in tempo reale delle transazioni all'interno di un database decentralizzato (ad esempio il "distributed ledger"), essenzialmente automatizzando la fiducia e minimizzando i rischi per la sicurezza. Dal punto di vista aziendale, quindi, i potenziali usi della blockchain sono a doppia faccia. Da un lato, minaccia di spostare intermediari che servono solo per controllare, verificare o certificare l'attività in un sistema. Ad esempio, l'auto-esecuzione o contratti "intelligenti" abilitati alla blockchain potrebbero ridurre significativamente il ruolo di avvocati e notai nel processo di negoziazione. Ironia della sorte, anche gli interruttori della "sharing economy" come Uber e Airbnb potrebbero un giorno trovarsi interrotti da reti peer-to-peer alimentate da blockchain. D'altra parte, la blockchain può altrettanto facilmente svolgere un ruolo stabilizzante anziché dirompente. Invece di rovesciare giocatori affermati, la tecnologia può creare aperture o opportunità per loro all'interno di un ecosistema reinventato, rinnovandone la rilevanza. Quando la fiducia viene introdotta in un sistema in cui in precedenza mancava, si possono trovare tutti i tipi di soluzioni creative per evitare interruzioni. Traduzione di parte dell’articolo “Disruption and Anti-disruption in the Streaming Economy” di Noah Askin, Pubblicato da INSEAD Knowledge. #innovation #innovazione #digitalizzazione #digitaldisruption #disruption #digitalmarketing #seo #contentstrategy #adwords #socialnetwork #emailmarketing #marketingautomation #businessintelligence #madeinitaly #italy #formazione #allameta #allametaconsulenza #allametabologna

A post shared by Meta (@allametaconsulenza) on

Il business della musica presenta un ottimo esempio della dualità della blockchain. Intrappolata dall’aumento del digitale, l’industria ha visto un calo dei ricavi globali di 4 miliardi di dollari tra il 1999 e il 2003, tra la proliferazione della pirateria musicale online e il passaggio dal prodotto fisico al download di canzoni. Le entrate del settore hanno continuato a ridursi – effettivamente dimezzandosi – fino al 2014, quando l’ascesa internazionale dei servizi di streaming ha presentato un futuro praticabile. Ora, lo streaming è responsabile di circa la metà delle entrate totali del settore. Tuttavia, non è del tutto certo che questa storia finirà con una nota felice. La redditività è notoriamente sfuggita alla piattaforma leader Spotify per gran parte del suo primo decennio. Ciò può derivare da sfide strutturali inerenti al modello di streaming stesso: sebbene redditizio sulla carta, Netflix (oltre 158 milioni di abbonati e conteggi) mantiene un flusso di cassa negativo in miliardi di dollari a causa di generosi investimenti di contenuti propri. Con l’aumentare della concorrenza tra i principali servizi di streaming, è improbabile che la loro posizione negoziale rispetto ai fornitori di contenuti migliori. 

View this post on Instagram

Segue da ieri. Il business della musica presenta un ottimo esempio della dualità della blockchain. Intrappolata dall'aumento del digitale, l'industria ha visto un calo dei ricavi globali di 4 miliardi di dollari tra il 1999 e il 2003, tra la proliferazione della pirateria musicale online e il passaggio dal prodotto fisico al download di canzoni. Le entrate del settore hanno continuato a ridursi – effettivamente dimezzandosi – fino al 2014, quando l'ascesa internazionale dei servizi di streaming ha presentato un futuro praticabile. Ora, lo streaming è responsabile di circa la metà delle entrate totali del settore. Tuttavia, non è del tutto certo che questa storia finirà con una nota felice. La redditività è notoriamente sfuggita alla piattaforma leader Spotify per gran parte del suo primo decennio. Ciò può derivare da sfide strutturali inerenti al modello di streaming stesso: sebbene redditizio sulla carta, Netflix (oltre 158 milioni di abbonati e conteggi) mantiene un flusso di cassa negativo in miliardi di dollari a causa di generosi investimenti di contenuti propri. Con l'aumentare della concorrenza tra i principali servizi di streaming, è improbabile che la loro posizione negoziale rispetto ai fornitori di contenuti migliori. Traduzione di parte dell’articolo “Disruption and Anti-disruption in the Streaming Economy” di Noah Askin, Pubblicato da INSEAD Knowledge. #innovation #innovazione #digitalizzazione #digitaldisruption #disruption #digitalmarketing #seo #contentstrategy #adwords #socialnetwork #emailmarketing #marketingautomation #businessintelligence #madeinitaly #italy #formazione #allameta #allametaconsulenza #allametabologna

A post shared by Meta (@allametaconsulenza) on

Nel frattempo, le alternative di streaming guidate dalla blockchain stanno iniziando a fare un rumore dirompente nel settore della musica. Sotto il modello dominante di Spotify, agli artisti vengono pagate scaglie di un centesimo per flusso delle loro canzoni. Lo streaming peer-to-peer tramite blockchain consentirebbe agli artisti di offrire la propria musica direttamente ai consumatori a condizioni molto più vantaggiose dal punto di vista finanziario. Possono anche impiegare contratti intelligenti per esercitare controlli più rigorosi su come il loro lavoro viene utilizzato a fini commerciali (ad es. Diritti televisivi) e, idealmente, per chiarire le criticità in termini di proprietà. Questo fa parte del concetto alla base di Ujo Music, che utilizza la blockchain di Ethereum, ed è forse meglio conosciuto per la sua collaborazione con il cantautore Grammywinning Imogen Heap. Pioniera della blockchain, Heap ha lanciato il suo singolo “Tiny Human” del 2015 come download da $ 0,60 tramite Ujo.

View this post on Instagram

Segue da ieri. Nel frattempo, le alternative di streaming guidate dalla blockchain stanno iniziando a fare un rumore dirompente nel settore della musica. Sotto il modello dominante di Spotify, agli artisti vengono pagate scaglie di un centesimo per flusso delle loro canzoni. Lo streaming peer-to-peer tramite blockchain consentirebbe agli artisti di offrire la propria musica direttamente ai consumatori a condizioni molto più vantaggiose dal punto di vista finanziario. Possono anche impiegare contratti intelligenti per esercitare controlli più rigorosi su come il loro lavoro viene utilizzato a fini commerciali (ad es. Diritti televisivi) e, idealmente, per chiarire le criticità in termini di proprietà. Questo fa parte del concetto alla base di Ujo Music, che utilizza la blockchain di Ethereum, ed è forse meglio conosciuto per la sua collaborazione con il cantautore Grammywinning Imogen Heap. Pioniera della blockchain, Heap ha lanciato il suo singolo "Tiny Human" del 2015 come download da $ 0,60 tramite Ujo. Traduzione di parte dell’articolo “Disruption and Anti-disruption in the Streaming Economy” di Noah Askin, Pubblicato da INSEAD Knowledge. #innovation #innovazione #digitalizzazione #digitaldisruption #disruption #digitalmarketing #seo #contentstrategy #adwords #socialnetwork #emailmarketing #marketingautomation #businessintelligence #madeinitaly #italy #formazione #allameta #allametaconsulenza #allametabologna

A post shared by Meta (@allametaconsulenza) on

Potete seguirci su Instagram.